LAC MORBIDE

Le lenti a contatto morbide sono state sviluppate da Otto Wichterle che utilizzò un polimero plastico chiamato idrogel per costruire delle lenti flessibili e permeabili all’ossigeno. Successivamente nel 1971 la FDA (Food & Drug Administration) approvò questo tipo di lenti chiamandole “lenti a contatto morbide”. Il polimero utilizzato per la costruzione di queste lenti (Idrossimetilmetacrilato o HEMA) è capace di inglobare alte percentuali di acqua (tra il 38% e il 70%). Quindi, la parte acquosa permette all’ossigeno di passare attraverso la lente a contatto e raggiungere la cornea, inoltre dona alla lente un’elevata flessibilità rendendola facilmente adattabile e modificabile alla forma della cornea. Successivamente, sono state prodotte lenti morbide in silicone, queste lenti presentavano un elevato valore di permeabilità all’ossigeno, ma erano particolarmente idrofobiche, ciò causava secchezza oculare. Per ridurre questa caratteristica negativa si sono utilizzati materiali in silicone-idrogel che fondono le caratteristiche dei due materiali. Gradualmente le lenti a contatto morbide hanno accresciuto la loro popolarità, poiché la loro morbidezza le rende più comode da indossare e l’adattamento a questo tipo di lenti richiede molto meno tempo e molta meno difficoltà rispetto alle lenti rigide. Inoltre, alcune lenti a contatto morbide sono in grado di fornire anche una protezione ai raggi ultravioletti, tuttavia, anche se si indossano LAC con la protezione UV, è consigliabile indossare occhiali da sole quando si è esposti alla luce solare diretta. A parte i vari benefici offerti dalle LAC morbide, esse presentano anche alcuni svantaggi, infatti a causa della natura del loro materiale sono meno durature, in alcuni casi si possono strappare o danneggiare, il loro alto potere assorbente fa si che esse possono facilmente assorbire sostanze estranee come saponi, lozioni o polvere con cui vengono a contatto causando infezioni o irritazioni oculari. Inoltre, spesso si assiste alla formazione di depositi proteici sulla superficie della lente morbida che possono dare origine a fenomeni d’intolleranza, quindi è opportuno effettuare un’accurata manutenzione della lente.
La lente a contatto morbida è usata per correggere i più comuni problemi di rifrazione come la miopia, l’ ipermetropia, la presbiopia e alcuni tipi di astigmatismo, ma spesso è usata solo per motivi estetici con l’utilizzo di lenti a contatto cosmetiche o colorate.

Attualmente ci sono in commercio vari tipi di lenti a contatto morbide:

  • Le lenti a contatto convenzionali: sono le LAC tradizionali, possono avere una durata annuale o semestrale, queste lenti vanno utilizzate durante il giorno, poi tolte, pulite, conservate in apposite soluzioni e indossate il giorno successivo. Devono essere rimosse prima di prendere sonno. Queste lenti necessitano di una accurata manutenzione e pulizia per garantire un adeguato confort durante tutta la loro durata.
  • Lenti a ricambio frequente: queste LAC sono utilizzate come le lenti convenzionali, ma la loro durata è inferiore (trimestrale o semestrale).
  • Lenti a contatto giornaliere usa e getta o lenti monouso giornaliere, queste lenti vanno indossate per un giorno e buttate via.
  • Lenti a contatto disposable (usa e getta) con durata settimanale, quindicinale o mensile. Si utilizzano come le lenti morbide tradizionali ma sono usate per brevi periodi e poi buttate al termine della loro durata.
  • Lenti a contatto ad uso prolungato (o esteso): queste lenti si indossano giorno e notte per un periodo di tempo massimo di 7 giorni, dopodiché si buttano via. L’utilizzo di queste ultime lenti è da consigliarsi solo dopo un’accurata visita oculistica, poiché nonostante i materiali innovativi utilizzati, esiste il rischio di infezioni o danni alla cornea.

I vantaggi delle lenti a contatto morbide:

  • Sono più flessibili e confortevoli rispetto alle RGP.
  • Richiedono un periodo di adattamento più breve rispetto alle RGP.
  • Sono più facili da inserire e cadono più raramente.

Gli svantaggi:

  • Necessitano di una maggiore attenzione e cura per mantenerle idonee al porto ed evitare complicazioni
  • Sono più costose e durano meno rispetto alle RGP
  • Non sono adatte per correggere alcuni disturbi della vista

Le lenti a contatto morbide hanno rivoluzionato il mondo della visione. Hanno donato il comfort e la comodità delle lenti a contatto ad un gran numero di persone in tutto il mondo. Tuttavia, ciascuno di noi ha caratteristiche uniche e le LAC possono essere tollerate in maniera diversa. Gli optometristi qualificati che trovate nei nostri centri, vi sapranno consigliare quale lente è più opportuno applicare sui vostri occhi.

Per prenotare una valutazioneoptometrica o contattologica: tel.041 3031185 info@gart.it

 I CENTRI Ottici 10DECIMI NON SVOLGONO ATTIVITA’ MEDICO-OCULISTICA .

 

 

BEGART Sede legale: Via Rivale 57/c 30036 Santa Maria di Sala (VE)  C.F. e P.IVA 03782890275  Reg. Imprese VE 338104

                                                         Lenti a Contatto Rigide e RGP

                                                                               HOMEPAGE